Corso di Chitarra

Il Corso di chitarra è affidato a Gianluca Giusti:

Esperienze Professionali: Gianluca Giusti, Chitarrista, cantante , autore ed arrangiatore, inizia a scuonare la chitarra all’età di 17 anni perfezionando i suoi studi all’accademia Lizard. Membro di molti gruppi locali allarga i suoi orizzonti inserendosi in alcune band locali come cantante solista.  La volontà di creare un proprio progetto lo porta a fondare gli EREZED, gruppo musicale attivo sin dal 2011, (www.erezed.it) con i quali incide poi nel 2017 un album.  Nonostante tutto Gianluca non frena i suoi studi ma continua lo studio del canto e tecniche di arrangiamento  e produzione presso la Lizard. Attualemnte collabora con la R.U.M. Comunocation (Pi) per quanto riguarda gli aspetti musicali e naturalemnte con la nostra scuola Music Lab come insegnante di Chitarra.

Percorso Formativo: Il docente organizza il suo corso ricevendo gli allievi individualmente, in quanto è nostra convinzione che per l’insegnamento di tale materia sia necessaria la presenza del singolo allievo, al fine di ricavare più profitto possibile con il tempo a disposizione.. Non esclude però la possibilità in un successivo momento la collaborazione con altri allievi di altre classi o della stessa classe per quella che viene chiamata Musica d’insieme. Le lezioni si sviluppano in un appuntamento settimanale di 60′ circa che comprenderanno un’iniziale studio del solfeggio di base che porterà ad una conoscenza della teoria musicale, il tutto unito alla pratica sullo strumento, che verrà effettuata con un approccio moderno. Sarà premura del maestro correggere eventuali posture e cattivi vizi (se si è iniziato lo studio da autodidatti) per una perfetta esecuzione del suono. Nel corso base si inizierà utilizzando una chitarra classica/acustica. Sarà poi premura del maestro, arrivati alla fase intermedia, decidere insieme all’allievo il passaggio alla chitarra elettrica o il proseguimento sullo strumento acustico E’ nostra convinzione dividere il corso in tre stadi: Corso Base, Intermedio ed Avanzato, in quanto ogni allievo ha un grado di preparazione diverso, che può essere causato da precedenti esperienze di studio o di eventuali altre conoscenze acquisite nel settore.

Corso Base Chitarra: L’allievo si prefigge di imparare le seguenti nozioni: (in un primo momento invitiamo l’allievo allo studio della chitarra classica soprattutto se è in età scolare) la conoscenza dello strumento, quali sono le differenti tipologie di chitarra, la chitarra moderna, posizione del chitarrista, diteggiatura, come si accorda la chitarra e come si fissano le corde sulla chitarra classica/moderna, la mano dx e la mano sx (o viceversa se mancino), assetto e azione della mano sul manico, modo di toccare le corde: il contatto tra plettro e corda, i differenti tipi di corde, suonare in prima posizione, a cosa serve il plettro e come va utilizzato. Iniziale approccio alla lettura di uno spartito. E’ consigliato lo studio dell’armonia moderna e del solfeggio I corso.

Corso Intermedio Chitarra: L’allievo si prefigge di imparare le seguenti nozioni di approfondimento proseguendo lo studio: il concetto di tempo ed esecuzione di esercizi a tempo, velocità e precisione di esecuzione, scala della luminosità del suono e risultante timbrica a seconda in cui viene sollecitata la corda. Suonare in prima, seconda e terza posizione, inizio dello studio delle scale e degli accordi principali, accompagnati dallo studio della creazione di tali accordi. Anticipo sulle legature, glissando e di alcuni abbellimenti. Inoltre si comincia lo studio di alcuni brani di repertorio. Lettura ed eventuale scrittura della tablatura. E’ consigliato lo studio dell’armonia moderna e del solfeggio II corso.

Corso Avanzato Chitarra: senza tralasciare lo studio l’allievo si prefigge di imparare le seguenti nozioni in conclusione del triennio: completamento delle nozioni di teoria musicale (partizione interna, levare in avanti o indietro, cambi di tempi, etc) , i differenti tipi di accordo e lo studio della loro creazione, l’accompagnamento, l’espressività, l’interpretazione. Piccoli esempi di arrangiamento su alcuni brani e lo studio della tecnica di improvvisazione (pincipalmente sulla base blues). Studio sulle legature, glissando, bending e vibrato, ed ogni tipo di abbellimento. Si ricorda che è CONSIGLIATO lo studio del solfeggio parlato, cantato, dettato per tutti i corsi di chitarra in quanto lo studio di tale materia permette una agevole dimestichezza e comprensione dello strumento.

Indietro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*